Sei qui
Home > Ischia > Un ischitano in nazionale… tedesca: Nico Schulz

Un ischitano in nazionale… tedesca: Nico Schulz

Gol all’esordio in nazionale.
Grande gara ieri sera a Parigi contro i campioni del Mondo sulla corsia di un certo Mbappè.
Il 14 della Germania si chiama Nico Schulz.
All’apparenza un comunissimo nome tedesco, nulla di cui interessarsi particolarmente se non per il talento calcistico.
Ma per noi ischitani questo ragazzone di 180 cm è molto di più.
Il cognome di suo papà è D’Abundo. Figlio di un ischitano salito su in Germania per lavoro, come tanti di noi, ha trovato l’amore a Berlino dove sono nati i due ragazzi Nico e Gianluca.
Nico ha scelto di giocare con il nome della mamma in quanto il matrimonio tra i genitori non è stato perfezionato, ma l’orgoglio per le proprie origini è rimasto inalterato.
In una recente intervista ha dichiarato:
«Quando ero bambino andavo in vacanza ad Ischia ogni estate con i miei genitori. Ischia mi piace moltissimo, è una bellissima isola. Il cibo è strepitoso. Adoro la pasta al forno di mia nonna. Non parlo benissimo l’italiano. Mio padre mi ha mostrato l’isola e mi fatto conoscere il calore e la mentalità degli italiani e degli ischitani in particolare.

La sfortuna per l’infortunio al crociato ne ha rallentato la crescita ma non lo ha fermato. La tempra tedesca unita a quella indomita ed orgogliosa dei “panzesi” dalla cui frazione, nel comune di Forio d’Ischia, arriva il papà hanno fatto sì che il tecnico della Germania Joachim Löw puntasse forte anche sul nostro ragazzo ischitano per ricomporre i pezzi di una nazionale che ha bisogno di ripartire dopo la delusione russa.

Il rammarico per l’occasione persa dal Napoli questa estate è grande.
Probabilmente attratto dal giocare per la squadra del proprio papà Nico è sembrato vicinissimo, visto anche l’infortunio a Goulham, ai partenopei ad un prezzo molto accessibile.
La cosa non si è poi concretizzata, ed ora le grandi prestazioni in nazionale stanno facendo lievitare il costo sia del cartellino che dell’ingaggio. Voci di mercato parlano di un interessamento anche del Milan e della Roma.
Noi ischitani ci auguriamo che Nico possa giocare anche nell’altro “suo” campionato dopo quello tedesco.
Per il momento continuiamo a seguirlo con grandissimo affetto ed orgoglio

Top